no comments

Leggi e Regole da Rispettare a Barcellona

Nella nostra guida su leggi e regole a Barcellona scoprirai una particolarità legata alla cannabis e tutte le norme di maggior interesse per il turista che visita la capitale catalana per la prima volta. Sicuramente, hai già un’idea sullo stile di vita ed abitudini in Spagna ma conoscere più a fondo le leggi su alcol, fumo, droga, sesso e prostituzione, codice della strada ti servirà per muoverti con maggior sicurezza, per evitare errori e far valere, all’occorrenza, i tuoi diritti.

Il tuo obiettivo è partire per goderti le vacanze, lontano dai guai e siamo sicuri che leggerai con estremo interesse questa guida. Goditi le vacanze e divertiti in tutta sicurezza.


Alcol

In merito all’acquisto e consumo di alcol, la legge in Spagna è simile a gran parte dei Paesi europei. E’ vietata la vendita e la somministrazione di alcol ai minori di 18 anni. Chi ha 16 anni può consumare bevande con gradazione inferiore al 22% di alcol (birra, vino).

Fumo

Dal 2011, vige in Spagna il divieto di fumo nei luoghi pubblici (bar e ristoranti inclusi), nei parchi per bambini, scuole ed aree che circondano gli ospedali.


Droga

In Spagna il possesso, consumo e spaccio di droga è illegale ma, riguardo alla cannabis, la legge si rivela singolare. Non è consentito portarla in giro, fumarla in luoghi pubblici (si rischiano sanzioni amministrative) ma è legale coltivarla in casa e consumarla in luoghi autorizzati, i Social Cannabis Club.

Da qualche anno, il cittadino spagnolo può coltivare fino ad un massimo di 2 piantine di cannabis nella propria casa ad uso personale. Può anche ‘delegare’ la coltivazione ai Social Cannabis Club (associazioni senza scopo di lucro) dove si può consumare la propria dose. Questi club somigliano ai coffee shop di Amsterdam ma hanno regole più ferree. Il loro obiettivo non è il lucro: offrono ai soci un locale protetto dove poter consumare cannabis.

A Barcellona sono circa 70, in tutta la Spagna questi club sono circa 500. Si può entrare a far parte del club al compimento di 21 anni, si entra dietro presentazione di qualcuno e si versa la quota di iscrizione (circa 10 €). Acquisto e spaccio di droghe provenienti dalla criminalità organizzata è illegale, ovviamente, è un reato punito con la reclusione. La quantità massima di droga ad uso personale (per 10 giorni) è di circa 25 grammi: essere trovati con una quantità superiore significa rischiare pesanti multe ed essere accusati di spaccio.


Sesso, prostituzione e reati sessuali

Come in gran parte dei Paesi europei, la Spagna ha adottato il modello abolizionista: la prostituzione (vendita del proprio corpo ed acquisto di prestazioni sessuali) è legale, non punibile e non regolamentata. In compenso, viene punito lo sfruttamento, come pure l’induzione e favoreggiamento.

I bordelli sono legali e le prostitute possono svolgere il proprio lavoro in forma di impresa o cooperativa. E’ assente quasi del tutto, in Spagna, la prostituzione di strada. I reati sessuali contro adulti e minori (abusi, violenza, sfruttamento) sono severamente puniti. Dal 1989, la legge spagnola ha inserito i reati di violenza sessuale tra i delitti contro la libertà sessuale.

In base all’articolo 429 del Codice Penale, la violenza sessuale viene perseguita e punita con una pena che va da 12 a 30 anni di reclusione. E’ violento il rapporto carnale consumato con l’uso di forza o intimidazione, abuso di persona priva di sensi, in stato d’incoscienza o alienazione mentale, ogni rapporto con minori di 12 anni. L’art. 430 fa riferimento all’aggressione sessuale in cui rientrano offese diverse dalla violenza carnale ma consumate allo stesso modo. Oltre alla reclusione, il colpevole deve risarcire le vittime.


Codice della strada

In riferimento al Codice della strada in Spagna, vediamo subito quali sono i limiti di velocità consentiti:

  • 60 km/h in città;
  • 90 km/h sulle strade statali;
  • 120 km/h in autostrada.

In Spagna, i limiti relativi al tasso di alcolemia nel sangue sono:

  • 0,25 mg/l per i turisti;
  • 0,15 mg/l per professionisti e neopatentati.

Sono obbligatori:

  • L’uso dei fari anabbaglianti in condizioni di scarsa visibilità e nei tunnel;
  • Fare il test di alcol nel sangue in caso di richiesta da parte della polizia: il rifiuto si trasforma in reato grave;
  • Cinture di sicurezza per chi guida e gli altri passeggeri, i seggiolini per bambini di età inferiore a 3 anni;
  • Il gilet catarifrangente a bordo da usare fuori dall’auto nei centri abitati.

L’uso del cellulare alla guida è vietato. Chi non paga al momento della multa rischia il sequestro dell’auto finché non avrà pagato.


I numeri utili di Barcellona per le emergenze

In caso di emergenza, per qualsiasi evenienza, richiesta di aiuto o informazioni, eccoti i numeri utili di Barcellona:

  • 112numero unico europeo di emergenza per mettersi in contatto con Polizia, Ambulanza e Vigili del Fuoco;
  • 088per chiamare la Policia Catalana;
  • 092per contattare la Polizia Municipale;
  • 091per chiamare la Polizia nazionale spagnola;
  • 080per rivolgersi ai Vigili del Fuoco;
  • 061in caso di urgenze mediche.

Consolato Generale d’Italia a Barcellona

  • Calle Mallorca, n. 270 – 08037 Barcellona
  • Tel. 0034-93-4677306 Fax 0034-93-4870002
  • Centralino consolare: 0034-902.050.141
  • Call Center consolare (a pagamento, raggiungibile solo dalla Spagna): 0034-807 505 883
  • Sito web: www.consbarcellona.esteri.it
  • e-mail: segreteria.barcellona@esteri.it
  • Cell. di reperibilità solo per emergenze 0034.659790266 attivo dal lunedì al venerdì dalle 18 alle 22, nei fine settimana e giorni festivi dalle 9 alle 22.

Assistenza sanitaria a Barcellona

A Barcellona, i turisti italiani hanno diritto all’assistenza sanitaria gratuita nelle strutture pubbliche (di ottimo livello) esibendo la Tessera Sanitaria rilasciata dall’Asl di competenza, che copre le ordinarie prestazioni di emergenza.

Gli ospedali di Barcellona che forniscono il servizio di pronto soccorso sono:

  • Ospedale Generale della Vall d’Hebron tel. 93 274 61 00;
  • Ospedale Provinciale tel. 93 227 54 00;
  • Ospedale della Santa Creu e Sant Pau tel. 93 291 91 91;
  • Ospedale del Mare tel. 93 248 30 00/93 248 33 35/34;
  • Ospedale Sant Joan di Deu tel. 93 253 21 00.

Per trovare una farmacia notturna basta controllare la lista affissa nelle bacheca di una farmacia chiusa. La farmacia La Pedrera sul Paseig de Gracia 90 è sempre aperta. 

Scopri altre informazioni utili