no comments

Bruxelles è Sicura? Ecco la Guida sulla Sicurezza

Lasciando da parte i recenti attentati ad opera del terrorismo islamico (difficili da prevedere e fronteggiare in qualsiasi città del mondo), il livello di sicurezza a Bruxelles resta elevato. La capitale belga è prevalentemente tranquilla e ben sorvegliata, specialmente in centro. Le zone periferiche ed i sobborghi sono più problematici, ma le vicende di criminalità in queste zone non dovrebbero riguardare il turista: non hai motivi per recarti in quartieri distanti dal centro.

Le solite ‘minacce’ nei luoghi più visitati dai turisti, a Bruxelles come nelle maggiori capitali europee, sono i furti ed il borseggio. Stai in guardia soprattutto sui mezzi pubblici e nei luoghi di attrazione turistica più affollati. Ti diamo tutte le informazioni ed i consigli per un soggiorno tranquillo, inclusi i numeri utili in caso di emergenza.


I migliori quartieri

In ogni città del mondo, esistono i quartieri migliori e zone da evitare perché più a rischio. Ti parleremo degli uni e delle altre iniziando dai migliori con una premessa: anche nei quartieri da preferire, girare di notte per la strada non è una buona idea soprattutto se isolata e buia. Ovunque ti trovi, di notte, fai attenzione nei tunnel che collegano le varie fermate della metropolitana e, anche di giorno, guardati intorno prima di prelevare contanti dal bancomat.

I quartieri più sicuri sono:

  • Ixelles, Etterbeek, Saint-Gilles e Flagey, zone chic con una vita notturna molto vivace;
  • Saint-Catherine, zona centrale vicinissima allaGrande Place;
  • Louise, Porte de Namur, i due quartieri dello shopping e dellecase di lusso non distanti dal centro e dalla Zona europea;
  • Zona europea, Schuman, quartieri che ospitano il Parlamentoe la Commissione Europea pieni di ristoranti italiani, bistrot francesi, pub inglesi;
  • Merode, Montgomery, zone signorili seppure distanti dal centro di Bruxelles;
  • Forest, Uccle, quartieri anch’essi decentrati che costituiscono l’area residenziale della capitale belga, tranquilla e sicura, perfetta per le famiglie.

Vediamo quali sono, invece, le zone più a rischio di Bruxelles.


Esistono zone pericolose?

Il centro della città non registra particolari aree pericolose ma soltanto un paio di zone critiche dove è meglio stare in guardia:

  • la strada Rue des Boucherscon i suoi numerosi ristoranti per turisti e le insidie dei borseggiatori;
  • le fermate della metro molto affollate come Midi dove si registra il maggior numero di furti.

Le zone da evitare perché più a rischio sono alcuni sobborghi o quartieri non tanto distanti dal centro come Schaarbeek, Molenbeek e Anderlecht. Ti elenchiamo, di seguito, le aree da evitare il più possibile:

  • Anderlecht e Molenbeek, uno deiquartieri peggiori della città (pur trovandosi a due passi dal centro) che conta il maggior numero di borseggi, scippi, violenze;
  • Gare du Midi, Gare du Nord, Schaerbeek,l’area della stazione e del quartiere a luci rosse frequentato da gente inquietante e poco raccomandabile;
  • Lemonnier, situato tra il centro (più precisamente Manneken Pis) e la stazione Gare du Midi;
  • Jette, un quartiere malfamato localizzato nell’estrema periferia a nord-ovest della città, vicino l’Atomium;
  • Botanique, un’area popolata divagabondi, immigrati clandestini ed altri tipi poco raccomandabili che, in passato, occupavano l’edificio in mattoni e che ora circolano nel quartiere.

Consigli e raccomandazioni

Negli ultimi tempi, in Belgio, la percentuale di crimini come furti e borseggi è aumentato e non risparmia la capitale. Di conseguenza, ti raccomandiamo di usare al massimo le seguenti accortezze:

  • Non lasciare incustoditi i bagagli, il cellulare, la macchina fotografica ed i tuoi effetti personali in auto, sui mezzi pubblici e nei luoghi affollati, nei locali, in stazione;
  • Evita di uscire dall’hotel portando con te troppo contante, passaporto, carte di credito che non ti servono, oggetti di valore. Deposita tutto nella cassaforte dell’albergo chiedendo la relativa ricevuta;
  • Se preferisci portare con te il passaporto abbi cura di conservarlo nella tua inseparabile borsa;
  • Non poggiare telefono e portafogli sul tavolino oppure sul bancone di un bar o locale pubblico;
  • Evita di infilare il cellulare o il portafogli nella tasca posteriore dei pantaloni o in una tasca esterna della borsa:
  • Lascia in hotel una fotocopia del tuo documento d’identità valido da utilizzare in caso di furto o smarrimento.

Numeri utili in caso di emergenza

Prendi nota e stampa tutti i numeri utili a Bruxelles in caso di emergenza, problemi, richieste di aiuto o di semplici informazioni. Eccoli, di seguito:

  • 112(numero unico europeo gratuito, attivo 24 ore su 24) per contattare, in caso di emergenze ed urgenze, la Polizia, il Pronto Soccorso e i Vigili del Fuoco;
  • 101, altro contatto telefonico per rivolgersi alla Polizia;
  • 100, contatto telefonico alternativo per chiamare i Vigili del Fuocoe l’Ambulanza;
  • 105per chiamare la Croce Rossa;
  • 02 426.10.26per emergenze dentistiche;
  • 02 477 31 00per emergenze pediatriche.

Gli operatori rispondono in francese o fiammingo, quindi in caso di necessità ed urgenza chiedi aiuto ad un belga per la traduzione.

Ambasciata italiana a Bruxelles

Consolato Generale di Bruxelles


Assistenza sanitaria

Ti trovi in un Paese membro dell’Unione Europea quindi, da turista, hai diritto all’assistenza sanitaria gratuita. Per ottenerla, ricorda di portare con te la Tessera Sanitaria rilasciata dall’Asl di competenza che dà diritto alla copertura di tutte le prestazioni ordinarie di emergenza ed al rimborso delle eventuali spese mediche sostenute nella capitale belga.

Il livello delle strutture sanitarie in Belgio è ottimo, decisamente in linea con gli standard europei (Italia inclusa) considerando i seguenti parametri: qualità e velocità dei servizi, operatori sanitari, preparazione dei medici, costi, personale, attrezzature mediche all’avanguardia, protezione della privacy.

A Bruxelles c’è una farmacia aperta ogni 5 km circa. Le pharmacie/apoteeke dal logo verde sono, di solito, aperte fino alle 23. Per trovarne una aperta, nel caso in cui ti trovi di fronte ad una apoteeke chiusa, puoi controllare l’elenco delle farmacie notturne disponibili affisso nella bacheca di quella chiusa.

Per alcune medicine da banco serve la ricetta, per altri farmaci no: se assumi farmaci particolari ricorda, per praticità, di portarli con te.

Scopri altre informazioni utili

Racconta la tua esperienza!