no comments

Guida alle Leggi e Regole in Vigore a Budapest

Per visitare una città da turista, è essenziale conoscere leggi e regole a Budapest allo scopo di capire come meglio muoversi in città di giorno e di notte. Ti spieghiamo cosa fare e cosa non fare, come evitare rischi e difendere i tuoi diritti secondo la legge segnalandoti tutti i numeri utili in caso di emergenza.

Ecco tutte le leggi da rispettare nella capitale ungherese tollerante ma non troppo, specie per certi reati. Alcol, fumo, Codice della strada, prostituzione, droga: tutto quello che c’è da sapere per partire e soggiornare in sicurezza.


Alcol e droga

In Ungheria, vendita e consumo di alcol sono vietati ai minori di 18 anni. Consumare alcolici in strada comporta il rischio di multe che vanno da 30 a 160 euro circa, almeno in teoria. La diretta conseguenza (urinare in luoghi pubblici) può essere punita ugualmente con una multa da 30 a 160 euro.

Le leggi e regole a Budapest riguardo al consumo di droghe sono severe: chi possiede quantità di stupefacenti ad uso personale commette un reato penale che prevede un trattamento di disintossicazione di almeno 6 mesi. Chi, invece, possiede quantità superiori (associabili a spaccio), chi produce, coltiva, acquista, importa od esporta droga è punito con la reclusione fino ad un massimo di 10 anni.


Fumo e vendita di sigarette

Dal 1 luglio 2013 è in vigore una legge che regola la vendita di sigarette in Ungheria; in passato, si potevano trovare in commercio i tabacchi anche nei bar, ristoranti, supermarket o distributori di benzina, mentre dal 2013 le sigarette possono essere commercializzate soltanto nelle Tabaccherie Nazionali (Nemzeti Dohánybolt).

Come per l’alcol, la vendita ai minori di 18 anni è vietata:  in caso di dubbi sull’età, il commesso di una tabaccheria è autorizzato a chiedere al cliente di controllare la carta d’identità. Riguardo al divieto di fumo in aree vietate, di solito, viene dato un primo avvertimento.


Prostituzione e reati sessuali

Budapest è definita la capitale del sesso in Europa: in Ungheria, la prostituzione è legale dal 1999. Chi la esercita è, a tutti gli effetti, un libero professionista che deve possedere regolari documenti e pagare le tasse. Come qualsiasi altra categoria professionale, ha un suo sindacato, il Magyarországi Prostituáltak Érdekvédelmi Egyesülete, fondato nel 2000, che difende anche transessuali ed omosessuali dediti alla prostituzione. Sono illegali, invece, le case di appuntamento.

La legge prevede un attento controllo sulla salute delle prostitute e, sempre per legge, le prostitute possono lavorare solo in determinate zone scelte dai comuni, lontane dalle scuole. Solo un comune, finora, ha designato la zona di prostituzione autorizzata: nelle altre aree della città, le prostitute svolgono la loro attività un po’ ovunque, illegalmente, in luoghi sporadici.

Ad una larga liberalizzazione della prostituzione corrisponde, però, una normativa severa in caso di violenza sessuale: chi violenta un maggiorenne è punito con la reclusione fino a 8 anni, mentre chi abusa di un minorenne (con età inferiore ai 12 anni) viene punito con l’incarcerazione fino a 15 anni.

E’ sempre valida la regola secondo cui, in base alla legge italiana, chi commette reati contro minori all’estero, viene perseguito al rientro in Italia secondo la legislazione del nostro Paese.


Codice della strada

Abbiamo già parlato di leggi e regole sull’alcol e l’alcol alla guida merita un discorso a parte.

Il tasso alcolemico consentito in Ungheria è dello 0%: in sostanza, non puoi bere nulla prima di metterti al volante. In caso di infrazione, puoi rischiare fino a 3000 € di multa.

Dal 1 gennaio 2011, la legge ungherese prevede il ritiro del passaporto o il sequestro dell’auto se chi ha commesso il reato non paga la multa immediatamente. La norma vale per qualsiasi tipo di infrazione commessa alla guida di un veicolo.

Sono obbligatori:

  • Le cinture di sicurezza anteriori e posteriori (se il veicolo ne è dotato);
  • Seggiolino e cinture per i bambini, né più né meno come in Italia;
  • Triangolo e set di pronto soccorso a bordo dell’auto;
  • Luci anabbaglianti che fuori città sono obbligatorie h24, anche nei viaggi sulle autostrade;
  • Spessore del battistrada degli pneumatici che, come minimo, deve misurare 1,6 mm.

Ci agganciamo al Codice della strada per evidenziare anche la situazione a Budapest in fatto di sanzioni per chi viaggia senza biglietto sui mezzi pubblici: il controllore può richiedere il pagamento di una multa di 25 euro circa.


Il turismo di massa

Ogni anno, Budapest ospita la bellezza di 4,5 milioni di turisti. La sempre più scatenata vita notturna non passa più inosservata ai residenti della capitale del sesso e del turismo di massa. Turisti e Airbnb sono una grande fonte di reddito per la città, è vero, ma portano anche declino e caos d’ogni genere nei quartieri storici.

Per favorire il turismo di massa, nel 2013 è stata perfino abolita la normativa secondo cui “bar e club possono restare aperti dopo la mezzanotte soltanto col consenso esplicito degli abitanti dell’edificio” di cui fa parte il locale. Da quel momento, l’economia della città vale più del riposo dei residenti: i locali restano spesso aperti fino alle 5-6 di mattina in quartieri come Erzsébetváros.

Il turismo festaiolo ha portato una serie di conseguenze che sfuggono al controllo della polizia: incidenti, traffico di droga e prostituzione, criminalità sono all’ordine del giorno.

L’Ungheria, diversamente da altri Paesi europei, non ha ancora introdotto una legge che sancisce pene e multe sugli affitti illegali di case private.


I numeri utili

Per qualsiasi evenienza o richiesta di aiuto, ti elenchiamo tutti i numeri utili di Budapest in caso di emergenza:

  • 112(numero unico europeo gratuito) per chiamare la Polizia o il Pronto Soccorso;
  • 107, numero alternativo per mettersi in contatto con la Polizia;
  • 438 880, il numero della linea anticrimine;
  • 104, numero alternativo dell’Ambulanza per il Pronto Soccorso;
  • 105, il numero dei Vigili del Fuoco;
  • 2679602,Pronto Soccorso Dentistico (la visita costa circa 70 euro).

Rivolgiti ad un residente o ad un traduttore del posto, se  non conosci l’ungherese o l’inglese parlato.

Ambasciata italiana a Budapest


Assistenza sanitaria e Pronto Soccorso

Come tutti i residenti della UE, i turisti italiani in vacanza a Budapest hanno diritto all’assistenza sanitaria gratuita dietro presentazione della Tessera Sanitaria magnetica rilasciata dall’Asl di competenza.

In Ungheria, non vengono utilizzati macchinari di ultima generazione ma il livello dell’assistenza sanitaria è buono.

Puoi trovare almeno una farmacia aperta 24 su 24 in ciascuno dei 23 distretti di Budapest: la farmacia notturna è indicata nell’elenco delle farmacie disponibili affisso sulla porta di quelle chiuse.

Scopri altre informazioni utili

Racconta la tua esperienza!