no comments

Leggi da Rispettare a Mosca: Guida Pratica

Leggi molto attentamente questa guida incentrata su leggi e regole a Mosca. Ti servirà per sentirti pronto a partire verso la capitale russa liberato da ogni dubbio, più sicuro di te su cosa fare e non fare in una città che ha regole rigide da rispettare.

Affronteremo i temi legati all’alcol, fumo, droga, sesso, prostituzione, reati sessuali, Codice della strada ed altri ‘piccoli’ dettagli che devi assolutamente conoscere. In certi casi, la tolleranza di Mosca (e Russia in genere) è zero. Oltre a rispettare le leggi russe, ti raccomandiamo di far valere i tuoi diritti in ogni situazione. Trascorrerai una vacanza tranquilla, siamo pronti a scommetterci.


Alcol

In Russia è illegale consumare bevande alcoliche in luoghi pubblici (zone pedonali, parchi, giardini, fermate dell’autobus, stazioni ferroviarie) così come nei pressi di scuole, università, centri medici. E’ vietata, ovviamente, l’ubriachezza molesta o, semplicemente, mostrarsi in pubblico ubriaco. Chi infrange la legge viene punito con una multa compresa tra i 500 ed i 1500 rubli e, nel caso dell’ubriachezza molesta, rischia la reclusione fino a 15 giorni.

Esiste anche una legge che vieta di promuovere e pubblicizzare bevande alcoliche (art. 21 della legge federale “Sulla pubblicità” N.39-FZ (N.39-ФЗ). Tale legge consente, comunque, di promuovere prodotti lì dove vengono venduti (negozi al dettaglio, supermercati ed altri punti vendita autorizzati). Può essere promosso su giornali, TV e radio (in orario compreso tra le 23 e le 7) soltanto il vino russo: ad ogni modo, la promozione deve essere accompagnata dall’avviso sui rischi legati al consumo di bevande alcoliche. L’infrazione di quest’ultima legge comporta una multa da 100 mila a 500 mila rubli per le persone giuridiche od una multa da 2.000 a 2.500 rubli per le persone fisiche.


Leggi e regole a Mosca sul Fumo

A Mosca come in altre città della Federazione Russa è vietato fumare in luoghi pubblici (musei, teatri, cinema, scuole, ospedali, mezzi pubblici, locali,alberghi, uffici, ecc.). Trasgredire al divieto di fumo in luoghi pubblici può costare una multa di importo compreso tra i 500 ed i 1.500 rubli, ma essere colti in flagrante reato in parchi per bambini costa di più: da 2.000 a 3.000 rubli.

Un nuovo disegno di legge in fase di approvazione propone il divieto di fumo in luoghi pubblici anche di sigarette elettroniche e narghilè. La vendita di questi dispositivi sarà consentita soltanto a persone di età pari o superiore ai 18 anni.


Droga

Nel 2010, il possesso, consumo e trasporto fino a 6 grammi di marijuana e 2 grammi di hashish sono stati depenalizzati: vengono puniti solo con una sanzione (fino a 40.000 rubli) ma non a livello penale. Lo stesso anno, è stata depenalizzata anche la coltivazione di canapa fino a 20 esemplari: questo perché i semi di canapa non contengono sostanze vietate, quindi risultano legali. Lo stesso vale per le droghe pesanti: possedere fino a 10 dosi (cioè 1,5 gr di cocaina), 1 gr di eroina e 0,003 gr di LSD può comportare il pagamento di una multa ma non si rischiano conseguenze penali.

Il possesso, trasporto e consumo di quantità superiori di droga (qualsiasi tipo di stupefacente) comportano, invece, diversi anni di reclusione: lo spaccio viene punito con una pena che va da 15 a 20 anni di carcere.


Sesso, prostituzione e reati sessuali

In Russia, la prostituzione è illegale: viene considerata un reato amministrativo. Lo sfruttamento della prostituzione viene punito con la reclusione. Violenza e reati sessuali sono perseguiti: la legge russa prevede fino a 3 anni di reclusione per molestie sessuali ma viene applicata di rado.

Nel 1996, la Duma statale (il Parlamento russo) ha approvato una legge contro la violenza domestica, ma a gennaio del 2017 è stata depenalizzata. Ciò significa che, se il reato non causa gravi pregiudizi, la violenza domestica viene considerata solo un reato amministrativo che comporta il pagamento di multe ma non la reclusione.

Questa legge ha fatto molto discutere così come fa discutere la tolleranza zero della legge russa nei confronti dell’omosessualità, bisessualità e transessualismo (anche se i transessuali hanno il diritto legale di poter cambiare sesso dal 1997). L’omosessualità è legale dal 1993 ma non esistono norme che tutelino le coppie gay: non è consentito il matrimonio omosessuale né il riconoscimento delle coppie gay, che non possono adottare bambini. L’omosessualità, in Russia, ha smesso di essere considerata una malattia mentale soltanto nel 1999.

Dal 2013, vige una legge che vieta la promozione di “relazioni sessuali non tradizionali”: in virtù di questa legge alcuni stranieri condannati possono essere non solo multati, ma arrestati e deportati. A Mosca, una legge del 2012 vieta il gay pride in città ”per i prossimi 100 anni”: viene definito un atto criminale.


Codice della strada

Ci riallacciamo brevemente al paragrafo precedente per segnalare che, in Russia, è vietato guidare per trans e travestiti come pure persone più basse di un metro e mezzo. Nella lista nera finiscono anche i feticisti sessuali, i pedofili, i guardoni, cleptomani e giocatori patologici. Motivo: ridurre gli incidenti stradali mortali.

Resta il fatto che un pedone deve fare molta attenzione quando attraversa le strade anche sulle strisce pedonali: prudenza ed educazione non sono le principali virtù degli automobilisti russi (eterosessuali). Il tasso di alcolemia nel sangue per chi guida deve essere pari a 0 per mille: l’alcool al volante è completamente vietato.

Di seguito, i limiti di velocità previsti dal Codice stradale russo:

  • 60km/h nei centri urbani;
  • 90km/h nelle aree extraurbane;
  • 100km/h in autostrada.

Sono obbligatori le cinture di sicurezza per conducenti e passeggeri ed i fari accesi di giorno. Chi circola contromano o guida su corsie riservate ai mezzi pubblici e nei binari del tram rischia il ritiro della patente (da 4 a 6 mesi) ed una multa di 5000 rubli.

Per il mancato rispetto dei segnali stradali la multa è di 300 rubli, mentre guidare un veicolo sprovvisto di targa può costare 5000 rubli di sanzione o la sospensione della patente per 1-3 mesi.


Altri ‘piccoli’ dettagli da conoscere

A Mosca è severamente vietato fotografare installazioni militari, edifici pubblici (aeroporti, ponti) ed altri luoghi d’importanza strategica. Fai, quindi, molta attenzione, frena la tua passione se non vuoi essere arrestato ed interrogato. Puoi scattare foto nei musei ma soltanto se usi attrezzatura professionale (con treppiede) altrimenti rischi di pagare una multa.

Ricorda che a Mosca bisogna sempre dimostrare la propria identità: porta con te il passaporto (meglio se originale, altrimenti una fotocopia comprensiva anche del visto) con validità residua di almeno 6 mesi. E’ preferibile avere con sé un passaporto in ottime condizioni perché un documento deteriorato potrebbe comportare il rifiuto di ingresso nel Paese.

Chi ha doppia cittadinanza svizzero-russa viene considerato un cittadino russo: le autorità non concedono, di solito, la protezione consolare della Svizzera.


I numeri utili per qualsiasi emergenza

In caso di emergenza di qualsiasi tipo e richiesta di aiuto ecco tutti i numeri utili a Mosca:

  • 112(numero unico europeo gratuito, attivo 24 ore su 24 con operatori che rispondono in russo e in inglese) per rivolgersi a Polizia, Ambulanza o Vigili del Fuoco;
  • 102(da rete mobile) o 02 (da rete fissa) per contattare la Polizia;
  • 103(da rete mobile) o 03 (da rete fissa) per chiamare l’Ambulanza;
  • 251 60 99in caso di emergenza sanitaria per rivolgersi al Centro Medico Europeo.

Se conosci l’inglese o la lingua russa, chiedi assistenza ad un traduttore.

Ambasciata italiana a Mosca

  • Denezhny Pereulok,5
  • 115127 Mosca, Russia
  • Tel +7 (495) 796-96-91 / +7 (499) 241-10-29 / 241-15-34 / 2410224
  • Fax +7 (499)  241-77-33
  • E-mail: embitaly.mosca@esteri.it

Consolato Generale di Mosca

  • Jakimanskaya Naberezhnaya, 10 109180 – Mosca
  • Tel.: +7 495 796 96 92; +7 495 916 54 49; +7 495 916 54 51
  • Fax: +7 495 916 54 20; +7 495 916 54 53
  • e-mail: consitaly.mosca@esteri.it
  • Cell. di reperibilità con funzionario di turno per casi di emergenza: 007-906 – 0382411 (attivo nelle ore di chiusura)

Assistenza sanitaria

E’ importante che la tua assicurazione sanitaria (Tessera Sanitaria rilasciata dall’Asl di competenza) offra la massima copertura medica in caso di necessità ed emergenze.

Il sistema sanitario russo è scadente, la maggior parte delle strutture ospedaliere pubbliche si trovano in cattive condizioni e le norme igieniche sono al di sotto del limite consentito. D’altro canto, le strutture private sono estremamente care, specie per i turisti.

Generalmente, in ospedale viene richiesta una garanzia finanziaria prima di intervenire (carta di credito, pagamento anticipato). In caso di emergenza, è preferibile contattare il 112 o l’Ambasciata Italiana ed il Consolato a Mosca richiedendo il contatto con la compagnia di assicurazione e con i familiari. Ti consigliamo, se assumi particolari farmaci, di portarli con te: succede che a Mosca le farmacie potrebbero richiedere la ricetta per l’acquisto di medicine che in altri Paesi vengono vendute senza prescrizione medica.

Scopri altre informazioni utili su Madrid

Racconta la tua esperienza!